SCEGLI IL CINEMA
filtra per filtra per

Tomb Raider

  • Uscita:
  • Durata: 118min.
  • Regia: Roar Uthaug
  • Cast: Emily Carey, Alicia Vikander, Dominic West, Walton Goggins, Daniel Wu, Hannah John-Kamen, Antonio Aakeel, Josef Altin, Keenan Arrison, Tamer Burjaq, Gordon Chow, Civic Chung, Adrian Collins, Maisy De Freitas, Kenneth Fok, Maruwan Gasant, Derek Jacobi, Duncan Airlie James, Rekha John-Cheriyan, Jandre Le Roux, Samuel Mak, Andrian Mazive, Roger Jean Nsengiyumva, Michael Obiora, Billy Postlethwaite, Milton Schorr, Kristin Scott Thomas, Vere Tindale, Shekhar Varma, Peter Waison, Alexandre Willaume, Jaime Winstone, Annabel Elizabeth Wood, Sky Yang, Walton Goggins
  • Prodotto nel: 2018 da GRAHAM KING PER WARNER BROS., METRO-GOLDWYN-MAYER (MGM), GK FILMS, EIDOS INTERACTIVE
  • Distribuito da: WARNER BROS. PICTURES ITALIA
  • Tratto da: omonimo racconto di Evan Daugherty

Film non più disponibile nelle sale

TRAMA

Lara Croft è la figlia fiera ed indipendente di un eccentrico avventuriero, scomparso quando lei era ancora in tenera età. Divenuta una giovane donna di 21 anni, priva di qualsiasi obiettivo o scopo reale, Lara gira per le caotiche strade alla moda di East London lavorando come corriere in bicicletta, riuscendo a malapena a guadagnare i soldi per l'affitto e frequentando i corsi del college, arrivando quasi sempre in ritardo. Determinata nel trovare la sua strada, si rifiuta di assumere il comando dell'impero globale del padre, così come rifiuta fermamente l'idea che lui sia veramente scomparso. Consigliata ad affrontare gli avvenimenti e ad andare avanti dopo sette anni senza di lui, neanche Lara riesce a capire cosa la guidi a risolvere finalmente il mistero della sua morte. Schierandosi esplicitamente contro l'ultimo desiderio del padre, Lara si lascia tutto alle spalle alla ricerca della sua ultima destinazione nota: una tomba leggendaria nascosta su un'isola mitologica, che potrebbe trovarsi al largo delle coste del Giappone. Ma la sua non sarà una missione facile; solo raggiungere l'isola si rivelerà estremamente pericoloso. Improvvisamente, la posta in gioco per Lara sarà talmente alta, che - contro ogni probabilità ed armata solo della sua raffinata intelligenza, della sua fede cieca e della sua innata testardaggine - dovrà imparare a spingersi oltre i propri limiti, nel suo viaggio verso l'ignoto. Se sopravvivesse a questa pericolosa avventura, potrebbe realmente capire chi sia e conquistando il nome di Tomb Raider.

Dalla critica

  • Il Manifesto

    La ricerca di una presunta dea della morte giapponese, sepolta nelle viscere di un' isola quasi irraggiungibile, è il pretesto narrativo per permettere alla protagonista di esibirsi in spericolate acrobazie cui in fondo manca tutto: da un ritmo che permetta di sospendere l'incredulità a una struttura narrativa che non si riduca al solito giochino a incastri con frasi fatte sul valore della famiglia. E così, nonostante le scene d'azione si susseguano una dietro l'altra, il film trasmette una sensazione di noia statica, dando adito al sospetto che nemmeno al regista in fondo importasse di questa nuova Lara Croft.

  • Il Messaggero

    Videogioco seriale promosso a film altrettanto seriale, 'Tomb Raider' (...) miscela il primo episodio della serie cinematografica (...) col secondo (...). Tra allora e oggi c'è la crisi, quindi sono molti in meno che potrebbero identificarsi con una ragazza «nata ricca, educata tra l'élite, addestrata a combattere», come il personaggio era presentato nel 2001. E così l'orgoglio dell'aristocrazia venale sparisce dalle pubblicità. (...) Tutto lascia spazio a illazioni: in una scena col padre, Lara, sdraiata, sussulta e ferma la mano paterna che le sta cucendo qualche punto sul ventre perfettamente piatto, ma aperto dall'unico taglio riportato in due ore di film, nelle quali su di lei cadono calci, pugni, ondate, mentre la sfiorano colpi di mitra e lanciarazzi, per non dire delle rapide di un fiume, alle quali Lara si sottrae per la tenacia nell'aggrapparsi ai bordi acuminati della carlinga di un aereo precipitato nel 1945, poi ruzzolando, ramo dopo ramo, botta dopo botta, per mezza foresta. Anche i sadici in sale hanno la loro parte.

  • Libero

    Spiacerà a chi come noi è convinto che i videogiochi sono divertenti solo per chi li gioca. Eppoi Alicia Vikander è forse più brava e certo più convinta di Angelina Jolie (Lara nel 2001). Ma come femmina sexy non le allaccia neppure i mocassini.

  • Avvenire

    La nuova Lara ha il volto ancora infantile e il corpo più acerbo della giovane Alicia Vikander, punto di forza di un film che non vanta una sceneggiatura all'altezza del compito e si limita a saccheggiare sequenze action dal cinema anni Ottanta e dai film di Indiana Jones. Finale aperto, ovviamente, sulla prossima puntata.

VEDI TUTTE LE RECENSIONI

Cosa vuoi fare?

Idee per il tempo libero

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Altri film nei dintorni

Penguin Highway

  • Uscita:
  • Regia: Hiroyasu Ishida

Aoyama, dieci anni, studente serio e diligente ha un modo tutto suo di vedere e conoscere il mondo: tiene dei quaderni...

Twilight

  • Uscita:
  • Regia: Catherine Hardwicke
  • Cast: Kristen Stewart, Robert Pattinson, Billy Burke,...

Dopo il matrimonio di sua madre, l'adolescente Bella Swan si trasferisce dall'assolata Phoenix, in Arizona, a casa di...

Scheda e recensioni

In Guerra

  • Uscita:
  • Regia: Stéphane Brizé
  • Cast: Vincent Lindon, Mélanie Rover, Jacques Borderie,...

Dopo aver promesso a 1100 operai che i loro posti di lavoro sarebbero stati salvi, i dirigenti di una fabbrica decidono...

Scheda e recensioni

Nel frattempo, in altre città d'Italia...